Come migliorare le prestazioni dei serramenti con il termoblocco

Vale la pena conoscere da vicino il termoblocco e tutte le sue caratteristiche, ma soprattutto le prestazioni che può assicurare ai tuoi serramenti. Ti illustro tutto in questo articolo. Se abiti a Milano e provincia, continua a leggere questo articolo.

Termoblocco con cassonetto: isolamento garantito (foto Edilcass)
Termoblocco con cassonetto: isolamento garantito (foto Edilcass)

Hai mai sentito parlare del termoblocco? Se hai già avuto modo di effettuare lavori di ristrutturazione in casa oppure se ti è già capitato di sostituire i tuoi serramenti, forse qualche tecnico ti ha nominato questo particolare tipo di controtelaio.

Le caratteristiche del termoblocco sono così interessanti, che diventa necessario approfondire l’argomento e conoscere a fondo di cosa si tratta e come viene impiegato.

Ma facciamo un passo alla volta e cominciamo da una prima domanda.

Che cos’è il termoblocco finestre?

Detti anche infissi termoblocco, i termoblocchi si utilizzano principalmente per i lavori di riqualificazione energetica. Si tratta, quindi, di spalle coibentate che servono a correggere i ponti termici.

I ponti termici corrispondono a tutti quei punti critici che possono crearsi a livello del foro finestra e che costituiscono veri e propri spiragli che lasciano passare aria e suoni.

Qui ho descritto nel dettaglio tutti i problemi che possono insorgere, se i ponti termici non vengono corretti.

Il termoblocco, quindi, è praticamente decisivo per risolvere i ponti termici.

Vediamo ora a cosa serve il termoblocco.

Termoblocco infissi: a cosa serve

Il termoblocco agevola moltissimo i lavori di realizzazione del cappotto esterno. In più, aiuta l’impresa che dovrà riquadrare la muratura ad avere dei riferimenti chiari e inequivocabili. In questo modo, i professionisti in cantiere possono elaborare tutta una lavorazione di preparazione – muratura, allineamento dei cappotti, eccetera – e fare in modo che, al momento della posa, non sorgano problemi e correzioni da apporre, come ad esempio dei fuori bolla, dei fuori piombo, degli spazi realizzati in maniera scorretta.

In pratica, quindi, il termoblocco infissi è uno strumento di supporto a tutte le maestranze che dovranno lavorare intorno al foro finestra

Dove si insedia il termoblocco?

Questo elemento coibentato si installa al posto della classica muratura o dei classici marmi di contorno delle finestre.

Il termoblocco contiene materiali fortemente isolanti.

In più, possiede un quarto lato, cioè un traverso nella parte inferiore, che serve a spezzare termicamente la conduzione del freddo e del caldo soprattutto dall’interno all’esterno e viceversa.

La presenza di questo quarto lato crea i presupposti per un’installazione più precisa e più rapida.

Questo contribuisce in maniera decisiva ad agevolare la fase delle finiture.

Quello delle finiture è per noi serramentisti un momento molto delicato, che necessita di tempistiche ben precise.

La presenza del termoblocco mette letteralmente le ali a questa fase e la agevola, per approdare ad una chiusura del cantiere nei tempi previsti e con il massimo risultato.

La resistenza termica del termoblocco in azione: il “caso” di Cerro al Lambro

A Cerro al Lambro, in provincia di Milano, abbiamo affiancato l’impresa Forestiere per realizzare il progetto del signor De Nardi, proprio con la scelta del termoblocco.

La casa del signor De Nardi (come molte altre presenti in questo comune del milanese) è particolarmente adatta per l’utilizzo del termoblocco. Si tratta, infatti, di una tipologia di casa singola, perfetta per beneficiare della resistenza termica assicurata da questo prodotto.

Ma perché il termoblocco è particolarmente indicato per questo tipo di costruzioni?

Perché è molto difficile (se non impossibile) da applicare in condominio, dal momento che presuppone un intervento di muratura abbastanza invasivo intorno al foro finestra.

Ripristinare la facciata di un condominio solo per i lavori effettuati in un singolo appartamento risulterebbe, quindi, molto più complicato.

I dettagli tecnici del termoblocco che migliorano le prestazioni del foro finestra

Le attività che prevedono l’installazione del termoblocco hanno bisogno di una pianificazione molto accurata. Bisogna, infatti, disegnare e progettare ogni singola finestra e risolvere tutti quelli che sono i problemi termici, ma anche acustici che possono insorgere.

Abbiamo operato così anche per il progetto del signor De Nardi.

Abbiamo creato a contorno una spalla isolata o termoblocco, compreso il cassonetto per la tapparella. In questo caso, avevamo un unico blocco – fornito insieme alle spalle – per l’alloggiamento delle tapparelle, che facevano anche da frangisole.

Il lavoro che abbiamo svolto per il signor De Nardi prevedeva progetti di finestre molto diverse tra di loro. L’architetto Laura Nai, che ha curato il progetto, aveva previsto l’impiego di serramenti apribili a battente, scorrevoli e fissi. Progetti diversi, quindi, ma tutti con l’assoluta necessità di un isolamento termico e acustico impeccabili, con dati tecnici allineati alla richiesta del progettista stesso.

In alcuni casi, poi, il termoblocco prevedeva addirittura uno scorrevole, più una tenda filtrante solare, più una zanzariera motorizzata più una tapparella frangisole. C’era, quindi, bisogno di uno spazio abbastanza importante.

Per alloggiare tutti questi elementi e per fare in modo che tutti i flussi di calore e di freddo vengano bloccati e risolti adeguatamente, la sezione muro arrivava anche a misurare 50 cm.

Anche la tecnica di installazione – in caso di termoblocco – è particolare e si discosta molto da quella tradizionale.

Mi riferisco, ad esempio, alla classica installazione con schiuma e silicone. L’unica modalità che consente di avere alte prestazioni termiche e acustiche è quella della cosiddetta ‘posa a secco’.

Vanno utilizzati in modo molto preciso i nastri termoespandenti e i nastri in schiuma di pvc. Il nastro fa anche da vasca di contenimento all’acqua, in caso di piogge particolarmente forti.

Come immagini, per realizzare installazioni delicate come queste occorrono competenze specifiche ed esperienza, altrimenti si rischia solo di combinare guai.

A Cerro del Lambro siamo riusciti a predisporre zanzariere e tapparelle con frangisole e, in alcuni casi, anche tende solari filtranti completamente a scomparsa. Così, abbiamo anche assicurato una resa estetica notevole, nascondendo guide e cassonetti alla vista, con spalle e voltini perfettamente allineati.

Come assicurarti le prestazioni del termoblocco a Milano

Se vivi e lavori a Milano e vuoi scegliere il termoblocco per assicurarti il massimo isolamento del foro finestra, chiedici una consulenza. 

Grazie al nostro Sistema Unico di lavoro Finestra Smart, sapremo indicarti come risolvere qualsiasi problema di isolamento legato al foro finestra e aumentare le prestazioni dei tuoi serramenti, anche in condizioni critiche.

Qui potrai compilare il modulo per essere ricontattato.

"IN 5 STEP"
La guida Finestra Smart

Le informazioni indispensabili per cambiare i tuoi serramenti, senza spendere soldi inutilmente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *