Finestre antirumore: quali materiali isolano di più?

Cosa rende le finestre antirumore così ricercate? In questo articolo voglio parlarti di isolamento acustico finestre dal punto di vista del materiale. Se ti stai chiedendo quali siano i migliori materiali per realizzare finestre ad alto isolamento acustico, puoi seguirmi in questo percorso. Ecco come puoi ottenere il silenzio e la tranquillità in casa.

Le finestre antirumore sono prodotte con qualche materiale particolare?

Andiamo con ordine.

Scegliere i materiali migliori per ottenere un isolamento acustico finestre soddisfacente può essere un vero e proprio percorso a ostacoli.

Il motivo per cui questo accade lo posso riassumere così: il materiale migliore in assoluto non esiste.

Ora, potrei anche concludere qui questo articolo. Invece, è importante mostrarti alcune cose interessanti, che ti possono aiutare concretamente – queste sì – a isolare acusticamente la casa come desideri.

Partiamo, dunque, proprio dai materiali.

Sei pronto?

Finestre isolamento acustico: da dove cominciare

Prendiamo 3 campioni di 3 materiali diversi, tutti e 3 adatti a isolare acusticamente l’abitazione. Si tratta, quindi, di 3 materiali adatti a creare delle cosiddette finestre antirumore, infissi ad alta performance acustica.

Il punto è che è possibile utilizzare praticamente tutti i materiali. Alcuni possono essere maggiormente indicati per determinate situazioni rispetto ad altre. La cosa importante è che a monte ci sia un progetto ben definito, che preveda una installazione di tipo acustico.

L’installazione di cui parlo non comprende l’uso della classica schiuma, del silicone o di nastri termoespandenti non meglio specificati.

Vuol dire, invece, prevedere una soluzione per ogni punto di passaggio acustico.

Allo stesso modo in cui, per ottenere l’isolamento termico, si risolvono i cosìddetti ponti termici, così per l’abbattimento acustico infissi bisogna risolvere i ponti acustici.

Infissi isolamento acustico: ecco come si ottiene il silenzio in casa

Lavorare sui ponti acustici è un processo molto complesso. Insieme alla mia squadra, me ne occupo da 20 anni. Abbiamo, quindi, maturato un’esperienza importante, grazie alla collaborazione che abbiamo stretto con tecnici esperti in acustica. Con loro ci siamo confrontati, proponendo delle soluzioni e arrivando a testare almeno 50 soluzioni diverse.

Questo vuol dire che abbiamo già accumulato un’esperienza significativa e siamo già in grado di far fronte a qualsiasi situazione che ci si pone dinanzi, soprattutto quando andiamo a intervenire in una città come Milano.

Da sempre, infatti, lavoriamo e operiamo a Milano, dove i problemi acustici hanno grande rilevanza e sono complessi da risolvere.

Ma torniamo alla domanda principale: di quale materiale devono essere composte le finestre antirumore?

Finestre antirumore: partiamo dal PVC

Prendiamo in considerazione un serramento in PVC con una sezione da 82 mm e 3 guarnizioni. A questo serramento è possibile applicare un doppio vetro, ma anche un triplo vetro.

Qual è il vantaggio di applicare un doppio vetro o un triplo vetro ?Semplicemente, la performance acustica che ottengo.

Il triplo vetro è meglio del doppio vetro? La risposta è: “non necessariamente”.

In alcuni casi, un doppio vetro correttamente studiato può rivelarsi la scelta migliore.

All’interno del nostro Special Report sull’acustica – che è un manualetto con una serie di segreti e piccoli trucchi per poter utilizzare al meglio tutti i materiali disponibili sul mercato – puoi trovate tutte le informazioni più importanti per definire se il vetro sia meglio doppio o triplo. O ancora se sia meglio applicare dei materiali specifici interposti tra i vetri stessi.

L’alluminio

Un altro tipo di materiale che si può utilizzare per creare infissi insonorizzati è l‘alluminio.

L’alluminio lavora molto bene sul meccanismo di “massa – molla – massa”.

Ecco cosa vuol dire: nella composizione del serramento, abbiamo bisogno di una parte che ha un po’ più di massa – in questo caso l’alluminio esterno -, di una parte che faccia da molla – cioè che ammortizzi il rumore che riesce a passare attraverso la prima parte della massa-, e poi un altro elemento detto ancora massa.

In questo modo, il rumore che passa attraverso la prima massa viene ammortizzato e viene fermato dalla seconda parte. La poliammide rinforzata con fibra di vetro che troviamo all’interno della struttura ha una funzione importante, sia dal punto di vista dell’isolamento termico che come rinforzo per l’isolamento acustico.

In tutto questo contesto, il sistema delle guarnizione, del vetro, della applicazione del vetro stesso ha un peso da non trascurare assolutamente per ottenere finestre antirumore.

Isolamento acustico finestre: il legno

Un terzo materiale molto utilizzato per produrre i serramenti è il legno.

Poniamo il caso di un serramento in legno rivestito esternamente di alluminio con doppio vetro. Qui si inseriscono 3 guarnizioni e dei vetri specifici per l’acustica, ma è soprattutto il metodo di assemblaggio dei materiali che si utilizzano a ricoprire un ruolo fondamentale per l’abbattimento acustico infissi.

Quando lavoriamo su progetti acustici molto specifici, con i tecnici competenti in acustica cerchiamo di produrre dei campioni ad hoc per mostrare quali sono le soluzioni che andremo a mettere in atto sul prodotto.

E qui voglio porre ancora di più l’accento su quanto l’installazione sia ben più importante del prodotto, se parliamo di isolamento acustico finestre.

L’installazione di un serramento ad alto isolamento acustico è molto più importante dei prodotti stessi, anche se si tratta di prodotti ben costruiti e fatti apposta per essere delle finestre antirumore.

Costruire un campione, mostrare le soluzioni e discuterne insieme ai tecnici acustici per avere un alto isolamento acustico è un metodo di lavoro importantissimo.

E ora posso rispondere alla domanda iniziale: quali materiali sono più adatti per costruire finestre antirumore?

Il miglior materiale in assoluto per ottenere un grande isolamento acustico nella costruzione di serramenti non esiste.

La risposta più corretta che posso darti è: “dipende dalle esigenze del cliente, dal tipo di vetro che dobbiamo montare, dal tipo di apertura battente scorrevole e dalla dimensione dei serramenti.”

Questi 3 elementi condizionano senz’altro la scelta del materiale e anche l’installazione.

Se abiti o lavori a Milano e dintorni e vuoi ottenere finalmente in casa il silenzio che ti permetterebbe di vivere e riposare meglio, contattami qui e prenota la tua consulenza.

Puoi farlo anche adesso, siamo a tua disposizione anche on line.

Massimiliano

"IN 5 STEP"
La guida Finestra Smart

Le informazioni indispensabili per cambiare i tuoi serramenti, senza spendere soldi inutilmente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.