Infissi isolamento acustico Milano: l’arch. Pedrazzini racconta il “caso” di via Zurigo 3

Infissi isolamento acustico a Milano? Se sei in cerca di “casi” risolti, di rumori scomparsi e case finalmente silenziose, ti consiglio di dedicarti alla lettura di questo articolo. L’architetto Pedrazzini racconta nei dettagli il cantiere di via Zurigo 3.

Quando si tratta di infissi isolamento acustico a Milano, molto spesso non si ha idea di quanto possa essere complicato raggiungere un risultato ottimale.

Eppure, nei nostri molti anni di esperienza siamo riusciti a testare e proporre più di 50 soluzioni di isolamento acustico infissi che hanno letteralmente trasformato molti ambienti rendendoli finalmente confortevoli.

Questo è possibile grazie alla costante collaborazione che instauriamo con tecnici e specialisti in acustica. E le loro parole raccontano meglio di qualunque altra cosa il processo che porta alla realizzazione di risultati di prim’ordine.

Per questo, abbiamo chiesto all’architetto Pedrazzini, progettista e direttore dei lavori per il cantiere di via Zurigo 3, a Milano, di raccontare com’è andata in cantiere e come si è svolto l’intero lavoro fin dagli inizi.

Ecco le sue parole.

Isolamento acustico finestre in via Zurigo 3 a Milano: il racconto dell’architetto Pedrazzini

“Quello di via Zurigo 3 è un immobile nato nella prima metà degli anni Sessanta, è stato costruito come un misto abitazioni/uffici e nel corso degli anni è stato trasformato totalmente in edificio adibito a uffici.

Poi, le cose sono cambiate. Due anni fa, è stato acquistato da una nuova proprietà che ha voluto trasformare il tutto in 40 unità abitative, bilocali e trilocali. La problematica principale di questo lavoro è stata quella di trovarci con più di 250 serramenti, quasi una facciata continua interrotta solo dalle parti strutturali.

La facciata principale dell’edificio sorge su una via molto trafficata, via Zurigo a Milano. E questo subito ci fa ha fatto capire che l’isolamento acustico sarebbe stata una vera sfida. Nei pressi dell’edificio c’è un semaforo, quindi le macchine in frenata e in accelerazione procurano un rumore davvero continuo e insopportabile.

L’obiettivo principale della proprietà, dunque, era quello di riqualificare questo stabile dei primi anni Sessanta e portarlo a un livello elevatissimo sotto diversi punti di vista.

A cantiere chiuso penso comunque che per questo edificio abbiamo raggiunto il massimo risultato che fosse possibile raggiungere. Gli impianti meccanici sono praticamente tutti nuovi, abbiamo impianti di riscaldamento e raffrescamento a pavimento radiante con macchine deumidificatrici e soprattutto siamo riusciti a ottenere un ottimo risultato dal punto di vista termico e acustico.

In questo, gli infissi isolamento termico hanno avuto un ruolo preponderante. Tuttavia, c’è dell’altro.

Isolamento acustico degli edifici: le nuove esigenze e il nuovo aspetto normativo

“In passato, il problema dell’isolamento acustico era più legato ad esigenze del tutto private. Era, infatti, il privato che richiedeva determinati requisiti dal punto di vista acustico e magari, quindi, richiedeva infissi ad isolamento acustico che permettessero di raggiungere determinati risultati.

Da gennaio 2019, l’isolamento acustico è finalmente un aspetto della progettazione e delle costruzioni soggetto a norme. Via Zurigo 3, quindi, è stato un cantiere che tra i primi è stato lavorato nell’alveo delle nuove normative. Una novità anche per noi e per il nostro lavoro.

Ed ecco cosa abbiamo fatto.

Insieme allo staff di Lema e alle altre imprese partecipi del progetto, abbiamo affrontato nel dettaglio tutti i punti della facciata e quelle che potevano essere le criticità. Era la prima volta che mi trovavo ad avere uno staff di fornitori e di esecutori con cui – nonostante inevitabili discussioni e prove durante il cantiere – siamo riusciti ad ottenere un ottimo risultato.

Abbiamo fatto 3 pre-collaudi per riuscire a ottenere questo risultato, una scelta maturata proprio nel corso dei lavori per avere l’indice del risultato nelle varie fasi, la progressione del miglioramento del risultato man mano che procedevamo.

La forza della collaborazione

“Devo dire che per la prima volta ho trovato un team di impiantisti, serramentisti e imprese che – oltre a sedersi a un tavolo e discutere degli aspetti progettuali e dei particolari costruttivi – riesce poi sul campo a ottenere un ottimo risultato. Un risultato dimostrato con i numeri.

Sicuramente gli immobili che sono stati acquistati nel corso del tempo, da questo momento in poi, hanno aumentato il proprio valore proprio per l’isolamento acustico che siamo riusciti a ottenere.

Il valore aggiunto dell’isolamento acustico ha infatti portato ad aumentare il valore degli immobili del 15%.

Lo dimostrano già alcune rivendite che sono state fatte, persone che hanno acquistato e rivenduto con valori più alti rispetto al passato.

La valorizzazione degli immobili grazie all’isolamento acustico infissi

“Dunque, il risultato che abbiamo ottenuto dal punto di vista acustico ha di fatto portato a valorizzare gli immobili. Lo dimostra anche il fatto che molti clienti che hanno acquistato a inizio cantiere, hanno poi rivenduto un immobile che vale fino al 15% in più rispetto a prima dei lavori.

Vivere in città su una via trafficata può sicuramente essere un problema dal punto di vista dell’isolamento acustico e può generare contestazioni da parte degli inquilini.

Tuttavia, adesso in via Zurigo 3 è possibile chiudere le finestre e non sentire più il rumore delle auto che passano in strada, a 15 metri di distanza, con un traffico continuo.”

Ma quali sono stati, in concreto, questi risultati?

“I risultati raggiunti in via Zurigo 3 consistono in un requisito acustico passivo in opera di 45 decibel a fronte di un limite di 40, e questo per noi è un risultato eccezionale anche nei confronti dei clienti.

Riuscire a dare alle persone un confort acustico del genere è una enorme soddisfazione.

Quanto incide un buon serramento sull’isolamento acustico?

Un buon serramento in una facciata incide moltissimo, soprattutto se si tratta di una facciata di questo tipo.

Come dicevo prima, a via Zurigo 3 abbiamo lavorato con 250 serramenti. Questa superficie è praticamente quasi un unico serramento e quindi l’incidenza del serramento è fondamentale.

Il sistema di installazione in questo caso è stato studiato ad hoc grazie alla collaborazione del serramentista.

Ad ogni modo, lo standard delle costruzioni e delle ristrutturazioni sta cambiando, si sta elevando. Lavoriamo, quindi, a interventi di questo tipo in cui abbiamo sostituito tutti i serramenti e abbiamo fatto un impianto radiante di raffrescamento e di riscaldamento: questo tipo di interventi porta sicuramente a una gestione diversa degli ambienti rispetto alle abitudini tradizionali.

L’inquilino si deve abituare a gestire in modo diverso quello che ha a disposizione in casa, ma il vantaggio è quello di avere un confort superiore rispetto a una casa tradizionale sotto tutti i punti di vista.

La collaborazione con Lema

“La mia collaborazione con Lema è cominciata quando il team di serramentisti mi ha portato su un cantiere che avevano realizzato un anno prima e in cui la squadra aveva ottenuto degli ottimi risultati.

Abbiamo guardato anche nel dettaglio le varie soluzioni applicate in quella situazione e ne abbiamo fatto tesoro per applicarle poi sul cantiere di via Zurigo 3, a Milano.

Era la prima volta che trovavo una collaborazione di questo tipo con il fornitore, era la prima volta che preventivamente l’azienda di serramenti mi portava a vedere dei lavori realizzati in precedenza con altri progettisti e altri direttori dei lavori.

Ecco perché sono sicuro che la collaborazione fin dalle prime fasi sia stata tra i segreti di questo grande risultato.

Le difficoltà iniziali e le perplessità che avevamo su una facciata sono state discusse fin dalle prime battute. Mi ha tranquillizzato poter lavorare con il fornitore in questo modo, mi ha tranquillizzato poter vedere i cantieri realizzati in precedenza. Questo mi ha aiutato ad affrontare tutta la fase di direzione lavori con serenità e fiducia nei risultati, che poi sono effettivamente arrivati.

Il massimo isolamento acustico a Milano è possibile

Se vivi e lavori a Milano e vuoi ottenere il massimo isolamento acustico possibile, chiedici una consulenza. Sapremo indicarti come risolvere questo problema e realizzare un isolamento acustico anche in situazioni molto critiche.

Qui potrai compilare il modulo per essere ricontattato.

"IN 5 STEP"
La guida Finestra Smart

Le informazioni indispensabili per cambiare i tuoi serramenti, senza spendere soldi inutilmente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.