Isolamento acustico Milano: il caso di viale Tibaldi, vicino alla ferrovia

L’isolamento acustico a Milano è possibile. Abbiamo lavorato in maniera impeccabile in viale Tibaldi 28, in un immobile a soli 12 metri dalla ferrovia. In questo articolo ti racconto com’è andata, attraverso le voci di chi ha portato a termine il progetto, ottenendo risultati straordinari.

 

Il rumore del treno è una delle principali fonti di stress. In viale Tibaldi 28 a Milano, in pieno centro, la ferrovia è a soli 12 metri. Parlare di isolamento acustico a Milano vuol dire, quindi, affrontare anche problemi di questo genere.

Milano, isolamento acustico appartamento: un risultato che rende nel tempo

 

Quando passa il treno, ora, c’è un rumore molto sottile. Non si percepisce nemmeno, il treno passa e il rumore è praticamente nullo”, così dice Corrado Cannatà, direttore dei lavori, che si è occupato del cantiere in viale Tibaldi 28.

Oggi come oggi in Italia, a quanto ne sappiamo, ci sono pochissimi edifici che hanno ottenuto questo risultato in termini di isolamento acustico della facciata. Perché in viale Tibaldi 28 abbiamo ottenuto un valore di 48,8 decibel. Le case comuni, di solito, hanno valori dai 38 ai 42 decibel. Pertanto, ottenere un valore di 48 decibel con la ferrovia vicino è un risultato di estrema rilevanza, per dare a un cliente di un appartamento il risultato di una villa di pregio.

È importante precisare che chi ha comperato gli appartamenti con dei comfort acustici di questa importanza ha sicuramente fatto un investimento al fine di guadagnare dei soldi in più, perché la rivalutazione immobiliare con questi comfort è in espansione.

 

isolamento acustico finestre

 

Milano, isolamento acustico casa: le esigenze del costruttore e degli acquirenti

 

Siamo in un appartamento e non si percepisce rumore”. È quello che riferisce Davide Dendi, costruttore del palazzo di viale Tibaldi 28 e immobiliarista.

A Milano, infissi isolamento acustico e comfort sono elementi molto importanti di cui tenere conto quando si progetta il foro finestra. Il lavoro svolto per questo immobile ha soddisfatto alla perfezione le aspettative del costruttore. Il grado di isolamento acustico, infatti, è stato apprezzato soprattutto dai clienti che hanno potuto testare prima dei rogiti la differenza a serramento aperto e a serramento chiuso.

Tra i criteri fondamentali per l’acquisto della casa abbiamo, infatti, la posizione, i parametri acustici e le dimensioni dell’immobile. L’isolamento acustico a Milano ha, poi, una particolare rilevanza. L’acustica è molto importante e riuscire a far acquistare un immobile in viale Tibaldi 28, a 400 metri dalla “Bocconi”, con l’opportunità di raggiungere tutti i servizi a piedi, andare in centro a piedi ma a condizione di vivere con la ferrovia alle spalle era una grandissima sfida.

Siamo riusciti a trasformare un immobile che era sul mercato da diversi anni in un immobile prestigioso, bello, che è stato venduto in pochi mesi. Basti pensare che in soli 3 mesi gli appartamenti sono andati tutti venduti.

Il silenzio che siamo riusciti a ottenere all’interno degli appartamenti consente ai clienti di aumentare drasticamente il valore degli immobili. Ai clienti era stato fatto un prezzo interessante già prima del risultato finale, ora hanno la possibilità di rivendere questi appartamenti – se lo vorranno – ad un prezzo notevolmente superiore. Questo è possibile grazie anche all’isolamento acustico e alle performance in generale ottenute.

Dice ancora Dendi: “Nel cantiere di Tibaldi, Lema Serramenti con Finestra Smart mi hanno aiutato a raggiungere gli obiettivi e a dimenticarmi della problematica acustica. Se ne sono fatti carico concretamente, costantemente, ottenendo risultati importanti. Devo dire che come risultato acustico e come gestione della commessa questo è sicuramente il miglior risultato da replicare”.

 

infissi isolamento acustico

 

Isolamento acustico Milano: obblighi legislativi e ricerca del comfort

 

Marco Parisi, tecnico acustico, ritiene che l’isolamento da rumori e suoni sia ormai un elemento fondante nel lavoro di un serramentista. “È in crescita la sensibilità nei confronti della componente acustica”, dice Parisi, “e il problema principale del progetto di viale Tibaldi era sicuramente la ferrovia e il rumore dei treni”.

In quella zona si trova, infatti, uno snodo ferroviario importante, con la stazione di Rogoredo, con tutti i treni che arrivano da sud e che vanno poi alla stazione Centrale e alla stazione di Porta Garibaldi. Insomma, è un crocevia molto trafficato.

Sicuramente questo tipo di richiesta a Milano ha una sua sensibilità. I clienti hanno sempre chiesto l’isolamento acustico, ma dal 2019 – essendo obbligatorio il collaudo – il fatto che l’acustica sia inclusa tra le problematiche e le tematiche da affrontare in fase progettuale è un vincolo imprescindibile. L’appartamento deve avere dei vantaggi dal punto di vista acustico semplicemente perché è obbligatorio per legge, oltre a tutti i benefici che ne conseguono per chi poi ci va a vivere.

Questo è sicuramente uno dei casi che ha dato i migliori risultati a livello di isolamento acustico di facciata. Infatti, poi, il lavoro complessivo ha dato come risultato un indice di facciata del valore di 48 decibel.

 

L’esperienza e la competenza per “fermare” il rumore

 

L’isolamento acustico a Milano è tra le nostre maggiori specializzazioni. Il rumore entra dalle finestre e noi siamo in grado di fermarlo. Abbiamo una forte esperienza specifica e operiamo a Milano da oltre 20 anni.

"IN 5 STEP"
La guida Finestra Smart

Le informazioni indispensabili per cambiare i tuoi serramenti, senza spendere soldi inutilmente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *