Muffa e condensa: come risolvere i problemi che affliggono le tue finestre?

Muffa e condensa sono all’origine di moltissimi problemi he insorgono in tema di serramenti. Ecco perché in questo articolo voglio affrontare questo argomento nel modo più completo possibile.

I problemi legati a muffa e condensa sono molto più frequenti di quanto si creda e colpiscono anche chi ha installato serramenti nuovi da poco. Moltissime persone qui a Milano e provincia ci chiamano e ci scrivono perché al mattino si svegliano e trovano i vetri dei loro serramenti ricoperti di acqua. Qualcuno nota anche muffa sui bordi delle finestre.

I più arrabbiati sono quelli che hanno da poco cambiato i serramenti. Magari era stato loro promesso che questo non sarebbe accaduto proprio per via dei serramenti nuovi e perfettamente performanti.

In realtà, in pochi conoscono la relazione che c’è tra condensa e formazione di muffa. Ed ecco perché con questo articolo voglio fare un po’ di chiarezza e fornire qualche informazione in merito a condensa e muffa per aiutare le persone a non fare scelte avventate.

Muffa vicino alle finestre e condensa: perché succede?

Chiariamo subito una cosa: i serramenti – nuovi o vecchi che siano – non creano né muffa né condensa. C’è però la possibilità che serramenti nuovi contribuiscano a creare le condizioni favorevoli alla loro formazione.

Questo perché la condensa è più evidente su materiali molto compatti, cioè non porosi, come superfici metalliche, vetri e ceramiche. Per chiarire meglio il concetto, pensa a quando fai il bagno o la doccia: la quantità di vapore forma condensa che appare sui vetri dei serramenti o sulle ceramiche, ma difficilmente compare sulle pareti intonacate.

Il serramento, quindi, può essere soggetto alla formazione di condensa perché oggi i serramenti hanno prestazioni energetiche molto elevate. Tali prestazioni sono dovute all’impiego di  vetrate isolanti e giunti impermeabili, che non lasciano passare il calore verso l’esterno.

Contemporaneamente, però, trattengono anche l’umidità dell’aria nei locali. In passato, i serramenti non garantivano che i locali fossero ermetici e ciò favoriva un ricambio d’aria incontrollato che limitava la formazione della condensa, ma a prezzo di maggiori costi per il riscaldamento ed il raffrescamento degli ambienti.

Si stima una bolletta energetica maggiore del 30% rispetto a una casa con serramenti isolanti.

L’importanza della prevenzione

Perché, dunque, è importante intervenire in maniera professionale e decisa per evitare i problemi di condensa finestre e la conseguente insorgenza di muffa? Il problema non è solo economico.

Oltre ad evitare costosi trattamenti per eliminare la muffa attorno alle finestre, un’azione preventiva permette soprattutto di preservare la salute di chi vive in casa.

La muffa, infatti, è dannosa per la salute.

Le linee guide del Ministero della Salute, in merito, parlano chiaro.

Gli effetti sulla salute

È dimostrato che l’esposizione alle muffe e all’umidità domestica si associa alla maggiore prevalenza di sintomi respiratori, asma e danni funzionali respiratori. 

In particolare, per quanto riguarda la salute dei bambini, i risultati complessivi di studi trasversali su bambini di 6-12 anni hanno confermato la relazione positiva tra la muffa visibile (riportata dai conviventi) e la tosse notturna e diurna dei bambini e, nelle famiglie più affollate, la relazione con asma e sensibilizzazione ad allergeni inalanti.

Qui puoi leggere l’intero documento ministeriale.

La colpa è degli spifferi?

Siamo soliti pensare – giustamente – che una casa senza spifferi sarà senz’altro più confortevole.

Lasciami dire che questa affermazione non è sempre vera, anzi spesso è esattamente l’opposto. 

Sì, lo so, è un’affermazione forte e può  sembrare una grande bugia. 

Ma adesso ti mostro cosa intendo.

In una casa sigillata, senza corretto ricambio d’aria, l’umidità che si crea all’interno con le normali attività quotidiane rimarrà imprigionata  Se continuiamo a produrre umidità dentro casa e non le diamo possibilità di uscire, ad un certo punto ce ne sarà  così tanta da ‘condensare’ in alcuni punti particolari. Questa condensazione, solitamente, avviene negli angoli dei serramenti o dove ci sono dei ponti termici.  Quindi, è sempre fondamentale tenere sotto controllo l’umidità nella nostra abitazione, non solo quando vediamo la formazione di muffa e condensa.

Le principali attività che producono umidità

Ce ne sono 5 e sono molto frequenti, perché le svolgiamo quotidianamente in casa:

  1. Respirare
  2. Stendere i panni in casa
  3. Utilizzare elettrodomestici (Lavastoviglie, asciugatrice,lavatrice) 
  4. Fare la doccia
  5. Cucinare

Ovviamente, si tratta di attività necessarie e complementari alla nostra vita di tutti i giorni. Ecco perché porre attenzione ai metodi per ridurre i rischi correlati alla presenza eccessiva di umidità è fondamentale.

Muffa e condensa: tutto comincia con l’umidità 

L’umidità è la quantità di acqua che è contenuta nell’aria. Quando è troppa e l’aria non riesce più a contenerla, deve andare a depositarsi da qualche parte, di solito sui punti più  freddi di casa. 

Ci sono diverse condizioni che portano al manifestarsi di  questi fenomeni. I più importanti sono:

  • umidità relativa
  • temperatura
  • materiali non idonei impiegati nella costruzione dell’edificio 

Considera che una famiglia di 4 persone può produrre 15 – 20 kg di umidità al giorno.

Come eliminare la muffa?

In questo articolo, ho voluto introdurre l’argomento muffa e condensa e illustrare alcuni concetti basilari per poter evitare questo tipo di problemi.

Con il nostro Sistema Unico Finestra Smart®  è possibile pianificare tutte le fasi del lavoro e prevenire eventuali criticità che potrebbero presentarsi.

Il Sistema Unico Finestra Smart®  ti aiuta a scegliere i tuoi serramenti senza fare errori e senza doverti pentire in futuro. 

Nelle prossime settimane, continuerò ad approfondire l’argomento muffa e condensa vicino alle finestre.

Nel frattempo, se abiti a Milano e provincia qui puoi richiedere la mia guida che in 5 step ti aiuta a scegliere i tuoi serramenti senza errori.

Massimiliano

"IN 5 STEP"
La guida Finestra Smart

Le informazioni indispensabili per cambiare i tuoi serramenti, senza spendere soldi inutilmente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.